RECENSIONE CUSTOM ART FIBAE 2: NUOVI STANDARD NEL MERCATO MID-FI

perfetta

Custom Art è una giovane compagnia audio con sede in Polonia, che ha ricevuto un ottimo responso nel panorama audiofilo grazie ai sui prodotto in catalogo capaci di offrire ottime prestazioni al giusto prezzo.
Questa compagnia è particolarmente nota per la realizzazione di prodotti custom ( sfruttando i calchi del vostro condotto uditivo), ma oggi recensirò il modello Fibae 2 universal.
Questo modello appartiene alla fascia mid-level con due driver che sfrutta la tecnologia patent pending, Flat impedance. Questa tecnologia permette di avere prestazioni non dipendenti dall’impedenza dei dispositivi che le andranno a pilotare come DAP e smartphone.
Come sempre ringrazio Piottr e il team Custom Art per avermi inviato il sample in questione in cambio di questa recensione.

LINK FACEBOOK: https://www.facebook.com/thecustomart/
LINK SITO UFFICIALE: https://thecustomart.com/fibae-2/

IMG_6788

CONFEZIONE:
La confezione fin da subito restituisce un “premium feeling” e mi ha particolarmente impressionato per la ricchezza di accessori. Nella scatola nera Peli 1010 (particolarmente robusta) è possibile trovare l’auricolare e sono presenti diversi gommini sia in silicone single e double flange ( sicuramente riuscirete a trovare quelli adatti al vostro condotto uditivo).
Ho apprezzato particolarmente la cura riposta per la qualità dei gommini, in quanto sono uno degli elementi che influenzano il suono e per questo è necessaria un fit adeguato per restituire un maggior isolamento e di conseguenza una migliore riproduzione audio. Tengo a precisare che i gommini sono simil Sony-hibryd, uno dei migliori qualitativamente parlando. Il cavo è un classico due pin staccabile dal corpo dell’auricolare. Dopo vari test consiglio veramente di acquistare un cavo after-market per tirar fuori il meglio da queste cuffie. In particolare è meglio puntare su un cavo tendente al chiaro.
In più il cavo non presenta alcun problema di rumori generati dal contatto con indumenti o durante il movimento.
La qualità costruttiva delle Fibae 2 è impeccabile : la struttura base è composta di acrilico trasparente con forme arrotondate per evitare qualsiasi irritazione o dolori vari a contatto con il padiglione auricolare. Il prodotto è particolarmente ergonomico sia per la forma a “conca” sia per la leggerezza e in queste 3 settimane sono state delle ottime compagne per le mie lunghe sedute d’ascolto. Devo ammettere che anche l’occhio vuole la suo parte e sicuramente sotto il punto di vista estetico sono sicuramente promosse.
Ciò che mi ha sorpreso particolarmente è l’isolamento acustico, uno dei migliori che abbia mai avuto modo di provare.
Le Fibae 2 sono promosse sia dal punto di vista ergonomico, costruttivo sia dal punto di vista sonoro.

IMG_6705

SUONO: la qualità sonora mi ha realmente impressionato: ho provato diversi auricolari anche sulla fascia di prezzo dei 1000 dollari, ma non avrei mai immaginato che auricolari sulla fascia di prezzo 500USD potessero restituire un suono cosi appagante e dinamico.
Dopotutto le Fibae rappresentano degli ottimi auricolari con una risposta molto particolare: una perfetta combinazione di suono morbido e tondo, ma allo stesso tempo una buona definizione e dettaglio in gamma alta). La firma sonora è tendente leggermente al caldo e sicuramente non scura con medi leggermente posti in rilievo e con un’ottima dinamica e risposta ai transienti.
Tutti i miei test audio sono stati effettuati dopo un centinaio di ore di rodaggio come consigliato dall’azienda e con differenti dispositivi di pilotaggio: Opus1s, fiio x5, fiio x3, iFi NANO e anche il mio iPhone 6.
Ho trovato una buona sinergia sia con i gommini in silicone presenti in confezione sia con i gommini Ortofon, che danno una risposta più pulita e meno V-shaped.

perfeta 2

La gamma bassa non è particolarmente pronunciata, ma presenta un’ enfasi nella gamma media-bassa , ma è di ottima qualità. Infatti, grazie ai due driver, il basso è veloce e secco e non risulta mai gonfio e gommoso senza andare mai a coprire la gamma media.
Usando un DAP modesto come un Opus 1s la gamma bassa acquista più controllo e autorità.
I medi sono leggermente posti in rilievo e non si necessita mai di maggior dettaglio o presenza.
Le voci sono rese con naturalezza e soprattutto le voci maschili, sono ben presentate grazie anche alla firma sonora tendente al neutro/caldo. Le voci femminili migliorano sensibilmente sfruttando un cavo di buona qualità after-market tendente al chiaro.
Gli alti non sono posti particolarmente in rilievo, ma sono ricchi di dettaglio e con un’ottima definizione. Questa caratteristica mi ha fatto innamorare delle Fibae 2 fin da subito, poiché è capace di restituire un suono caldo e organico, ma allo stesso tempo gli alti sono puliti e mai graffianti. La dinamica è eccellente, grazie agli accorgimenti tecnologici già spiegati a inizio recensione, la risposta ai transienti è degna di nota e anche in tracce particolarmente affollate le Fibae non perdono mai il “passo” degli strumenti.
Su questo fattore riescono perfino ad eguagliare le Unique Melody Me.1 una delle mie cuffie preferite sulla fascia di prezzo di 700 euro.
Il sound stage è particolarmente ampio, ma al contempo le voci rimangono intime e ben definite.
Il sound stage è esteso soprattutto in larghezza e riesce a restituire una scena particolarmente olografica.
L’impedenza è bassa e quindi non richiede amplificazioni dedicate, con il mio iPhone riesco a pilotarle egregiamente anche se abbinate ad un buon DAP la scena sonora migliora sensibilmente e si guadagna maggior controllo e precisione.
Ovviamente tutti i miei test sono stati effettuati con file ad alta risoluzione .flac sfruttando Tidal dal mio iPhone.

perfetta 20000

CONFRONTI:
CUSTOM ART FIBAE 2 VS UNIQUE MELODY ME.1: queste due cuffie non appartengono alla stessa fascia di prezzo e soprattutto sfruttano tecnologie totalmente differenti, ma è sempre affascinante andare ad approfondire i diversi approcci alla musica di diversi prodotti. Sono cuffie eccellenti dal punto di vista costruttivo; le Fibae 2 hanno una forma e una struttura più piccola e leggera a differenza delle ME.1, ma bisogna considerare che queste ultime implementano una tecnologia planare. Di conseguenza le Fibae sono sicuramente più ergonomiche e facili da indossare per lunghe sedute d’ascolto.
L e ME.1 presentano un suono più controllato e maturo, le Fibae sono capaci di riprodurre un suono più divertente, ma al contempo raffinato.
La gamma bassa è più d’impatto e presente nelle ME.1, ma le Fibae 2 si difendono egregiamente riuscendo a donare un buon basso secco e veloce, anche se l’enfasi in gamma medio-bassa può creare un po’ di confusione in quello spettro.
La gamma alta è più morbida nelle ME.1 forse un po’ troppo per i miei gusti, le Fibae 2 anche se non hanno un’enfasi particolare per gli alti, presentano buon dettaglio e pulizia.
La dinamica e la risposta ai transienti vede come vincitrici le ME.1 che riescono a restituire più dettagli e a “seguire meglio gli strumenti” grazie alla tecnologia magneto-planare.
Il sound stage è sicuramente più arioso ed ampio nelle ME.1 grazie alla struttura semi-aperta, ma le Fibae 2 presentano un ottima presenza olografica e separazione strumentale.

CUSTOM ART FIBAE 2 VS RHAPSODIO SATURN:
Le Fibae 2 e Rhapsodio Saturn rappresentano rispettivamente delle ottime proposte nelle panorama mid-fi.
Queste due cuffie presentano molte somiglianze, ma il prodotto Custom Art presenta un suono più raffinato e dettagliato in gamma alta. Sono entrambe cuffie leggere e comode, ma le Rhapsodio hanno un corpo più ingombrante, a differenza delle Fibae che presentano un corpo più piccolo e confortevole.
Il canale delle cuffie è molto più largo nelle Rhapsodio che quindi richiedono dei gommini con un foro più largo e quindi di non facile reperibilità. Le Fibae 2 garantiscono un fit migliore e un migliore isolamento acustico.
Entrambe possiedono un’enfasi nella gamma medio-bassa e un suono morbido ed organico, ma le Fibae 2 hanno miglior dettaglio e presenza in gamma alta.
Le Fibae 2 hanno una migliore dinamica e risposta ai transienti.
Il sound stage è sicuramente più ampio e olografico nelle Rhapsodio Saturn.
Entrambe sono facili da pilotare, anche se le Rhapsodio scalano meglio con una buona amplificazione guadagnando una migliora scena sonora e un sound stage più ampio.

CONCLUSIONI: le Fibae 2 offrono un’ ottima ergonomia e prestazioni sonore, perfino superiori alla propria fascia di prezzo. Ciò che ho amato di queste cuffie è la loro capacità di presentare un suono rilassante e organico, ma al contempo dettagliato e con una gamma alta dettagliata e pulita, senza risultare mai graffiante. Le Fibae 2 si impongono nella fascia mid-fi, dettando nuovi standard sia dal punto di vista costruttivo che della qualità audio.

CARATTERISTICHE TECNICHE:
Single Low/Mid, Single proprietary High
113dB @1kHz @0.1V
7.1 Ohm @1kHz (+-0.5 Ohm 10Hz-20kHz)
10Hz-16500Hz (+-10dB into IEC 60318-4 coupler)
Silicone or Hollow Acrylic body
UIEM or CIEM options

BASSI: 8,6
MEDI: 9,2
ALTI: 8,7
SOUNDSTAGE: 9

FINAL RATING: 8,9

Advertisements

REVIEW OPUS 1S: A SIMPLE YET A GREAT SOUNDING DAP

perfettissimasd

In a world where DAP companies follow the route of WiFi and streaming apps like Spotify and Tidal , the Bit with its new Opus 1s choosed a more traditional approach for its audio portable device.
Yeah, streaming gives you more possibilities and access to millions of tracks, but for me and hope is the same for you, the most important thing is audio quality, and under this point Opus 1s will not surely disappoint you.
The Bit is a company based in Korea, quite famous in the audiophile world, in particular with its previous models: Opus1, Opus2, Opus 3.
I have never had the opportunity to test the original Opus 1, but as stated by the company 1s will retain the sound of the audio-opus series praised by users, enhancing ultra low range and high range sound compared to the existing Opus1, giving you a more dynamic sound.
Opus1s is based on Android operation systems compatible with the ARM Cortex-A9, up to 1.4GHz with the Quad-Core CPU DDR3 1GB to express the best possible sound, providing bit to bit decoding and supporting wide variety of audio formats. This DAP uses two CS43198 DACs released by Cirrus Logic in 2017. Each DAC manages the left and right channels separately to produce the best sound with the higher resolution and wider spacious feel. At the end of this review you can find all the specs about this product.
Opus 1s unit was sent me as a sample unit, I am not affiliated with the company and all observations and opinions will be only my own. Would like to thanks the Bit team for sending me this unit giving me the opportunity to experience such a powerful and dynamic sound .

PRICE: 399 USD
LINK OFFICIAL SITE: http://www.audio-opus.com/?page_id=17532
LINK MUSICKETECK: https://shop.musicteck.com/collections/opus/products/opus-1s-hi-res-portable-digital-audio-player

FIRST IMPRESSION:
Just to be honest, I was really interested in this new product and when the courier knocked to my door giving me the pack and “customs taxes”, I couldn’t wait to plug my favourite headphones and get involved in a musical pleasure.
I plugged in my microSD card and started to listen to my favourite palylists. First impression was surely excellent: its construction is excellent giving you a premium feeling since the first moment.
Listening to Lana Del Rey “Lust For Life” I was just amazed how powerful and dynamic the sound was.
Voices were very natural and visceral with a great amount of details. The first thing you will notice listening to Opus 1s will be the dynamic and rithm.

perfetdirvjegjebr
perfetta100

PACKAGING: packaging is quite simple and elegant at the same time. In the box you can find the DAP, manuals, warranty card, a USB cable and an extra screen protector in the box, with one applied on 1s from the factory. In my box there was a leather case, but don’t know if you will find it right out of the box.
The leather case is sent for 69 USD and, to be honest, it’s a bit overpriced, but it fits very good with 1s and has a real premium feeling( it doesn’t compromise pressure level of the volume or play/pause buttons). I usually don’t like to talk much about packaging and other staff cause my main focus is on the sound quality, but overall the unboxing experience of this DAP surely will not disappoint you.

BUILD QUALITY/UI:
Build quality is excellent, and to be honest is a really nice-looking product: it combines an elegant outline with smooth shape lines. The shell is made from ABS plastic, the 4-inch 400×800 IPS touch panel is covered with a sheet of tempered glass that gives a premium feeling to the product. On the right corner there are three buttons for pause/go on or behind with the tracks; on the left corner two volume buttons and memory card slot. The BIT has also installed 32GB of internal memory, which would mean a theoretical maximum of around 540GB of space will be available if utilising dual 256GB microSD cards as well (actual space will be lower due to space required by the operating system, etc).

perfetta 2

On the bottom there is a microUSB port, you can find 3.5 Headphone Line Out with the power button and the 2.5mm Balanced Out on the top.
The Opus 1s is available in 2 colors, namely Lapis Blue and deep Purple. What really impressed me was the Display: it’s very bright and well calibrated, thanks to this, you will easily use it on the go. Resolution is quite good and touch is very fast. What really love of this company is that they offer always great sound and build quality at the right price. You may think 399 USD for a DAP without streaming services are too much, but if not so, cause if you really love Music and sound quality you surely will not regret to buy one.

perfetta 1000

The software is based on a highly-customized version of Android 5 which has apparently been optimised for portable audio devices. The Bit made a wonderful job with the UI, that is clean and really fast and I never found a bug or a slowdowns ( will update my review, if will find any in the future).

The internal 4000mAh battery requires around 4 hours to charge from dead flat, and should give the OPUS1S as stated by the company a maximum playback time of roughly 11 hours. For me battery is quite good, and was able to use it for more or less 4 straight days without charging ( my typical use is 3/4 hours per day at 75 volume level and half level brightness).
Construction is solid and it is not too much big or heavy, this thing combined with the bright screen makes this DAP a must-have for portable use.

perfettissima

SOUND:
Audio impressions have been taken after 100 hours of burn-in testing with different premium IEMs and headphones: Rhapsodio Infinity, Unique Melody Me.1, Aroma Audio Yao, Custom Art Fibae 2, Rhapsodio Saturn, iBasso IT01, Periodic Audio Mg,Be,Ti, Meze 99 Neo/Classics and Mitchell and Johnson Mj2.
A phrase to describe Opus 1s could be: strong, full-body and dynamic sound. Its sound signature is more on warm side than natural one. I usually prefer a natural or clean reproduction, but with the time I am really enjoying this approach to music. Opus 1s has a perfect combination of warm and natural sound resulting in an enjoyable and extremely engaging signature capable to bring tons of details in particular with 24bit tracks. First time I used it, Damn!! was really amazed how powerful is and wasn’t expecting it to be so.

BASS:
Bass response is excellent, very full and punchy. It doesn’t cover other frequencies, but stays here with a muscular and authoritative approach to the music giving a great dynamic to the sound reproduction.
Rumble and impact are outstanding with that slam that always bring me to move at the rhythm of music.

MIDS: voices on Opus 1s are extremely clean and near-to-life. They are neither too much in face or behind, but they are well placed in the centre. Both male and female vocals are well portayed and they are very detailed( in certain tracks I can really listen and feel the throat vibration and lips movement from the singer.

HIGHS: I could say that treble response is “relaxed”, stays a bit behind, but with a good clarity and details. You will get an extended treble response but without harshness and sibilance issues, but if you are a treble-ish man and lover of sparkles, this DAP will not be a great choice for you. If you need an organic and full sound Opus 1s will be surely a great choice.

SOUNDSTAGE:
Soundstage is quite good and well extended in all directions, with a great width and height and excellent depth. It will give you a good holographic space, but never an “out of the head sound”. I could say that Opus 1s is able to bring a realistic and coherent space around you with a good layering. What really impressed me was the right/left channel separation: in certain tracks you will easily and clearly listen to instruments playing on the right channel and at the same time other instruments on the left one.

OPUS 1S WITH RHAPSODIO INFINITY: they have excellent synergy. Overall I found the Opus 1s to do a great job with multi-balanced IEMs. You will find a great instrumental separation with a lot of “hair” between mids, highs and bass. This DAP gives a better dynamic and overall a punchier and faster bass response. Voices are very clean and detailed, but not so much natural. Highs are very clean and airy. Soundstage improves a bit in particular in depth.

OPUS 1S WITH Aroma Audio Yao: Opus1s enhances what I loved of this IEM: voices reproduction and dynamic. Bass improves a lot, portraying a more rounded and fuller bass response, this is a very good thing, since this IEM lacks a bit in bass quantity. Voices are very organic and natural with an incredible life-like feeling. Highs are clear, but a bit behind, so you will get a very enjoyable and relaxed sound.
If you love sparkles and highs in evidence this combo will not be a good choice for you. Opus 1s drives very well this IEM and never found any needs of more power.
Overall this setup will give you a very full and organic sound.

OPUS 1S WITH UNIQUE MELODY ME.1: they have a good synergy, but not excellent: I found other setup to have a better sound, in particular wider soundstage with this IEM. Overall Opus can drive quite well ME.1 ( this planar IEM requires a good source to really shine) giving you a good bass response, full and with a lot of slam and rumbles. Mids are more organic and fuller.

OPUS 1S WITH CUSTOM ART FIBAE 2: this combo is one of the best sound I have ever experienced in mid-fi price range. Reproduction is very fast with a great dynamic and excellent instrument separation.
Soundstage improves a lot, in particular in width. The great right/left channel separation of the Opus 1s gives a great synergy to this combo.

OPUS 1S WITH RHAPSODIO SATURN: Soundstage improves a lot, giving a wider and very coherent sense of space around you. This Dap gives a fuller and more quantity bass response to this IEM( maybe too much for my tastes). Voices are more present and detailed and very organic.

OPUS 1S WITH iBasso IT01: this combo will give you a spectacular dynamic and transient response.
Overall reproduction will be very fun and engaging.

OPUS 1S WITH PERIODIC AUDIO Be: this setup really impressed me. Be needs a good source and amplification to really shine and Opus 1s will give all the power output you will need. Damn! This is really audiophile sound: everything is coherent and well balanced, with a full and organic sound and excellent dynamic. Both female and male voices are very full and organic. Soundstage is not massive, but very coherent and natural.

OPUS 1S WITH MITCHELL AND JOHNSON MJ2: I found better sources for this headphone, cause Opus 1s is prone to give a more relaxed high response and doesn’t give justice to the electrostatz technology that really shines with a more clean source.(MJ2 thanks to its electrostatz technology has one of the most natural and extended highs I have ever listened on this price range).

OPUS 1S WITH MEZE 99 NEO/CLASSICS: if you bought these headphones for their organic and full sound, Opus 1s will enhance these characteristics giving you a fuller and faster bass response, with clean a detailed voices and a more organic sound. Soundstage improves a lot, in particular in width.
Dynamic is very good, with a great sense of rhythm and tempo.

lokkwgwgh

CONCLUSION: OPUS 1S is one of the best mid-fi DAP I have ever tried( is surely better than my Fiio x5 iii, yes Fiioiii has more features with wifi and so is able to work with streaming apps like Spotify or Tidal, but can’t compete under sound quality with 1S, in particular the last one has a better dynamic, a fuller sound and a bit wider soundstage.
This DAP is simple, but has everything you will need to enjoy your playlists. The fast UI, the great build quality and first of all the sound quality will not surely disappoint you.

PROS:

DYNAMIC

POWERFUL SOUND

SIMPLE AND FAST UI

BATTERY LIFE( CONSIDERING THE SCREEN RESOLUTION AND BRIGHTNESS WITH THE POWERFUL OUTPUS)

RIGHT AND LEFT CHANNEL SEPARATION

CONS:

NOT ONE OF THE MOST NATURAL SOUND( A BIT FUN FOR MY TASTE)

FEATURES( BUT IF FOR YOU SOUND QUALITY IS MORE IMPORTANT THAN FEATURES WILL NOT BE A PROBLEM)

SPECS:

DAC Cirrus Logic CS43198 x 2 Cirrus Logic CS4398 x 2
Output Bal. 3.4Vrms
Unbal. 3.1Vrms Bal. 2.3Vrms
Unbal. 2.1Vrms
SNR Bal. 125dB @1KHz
Unbal. 123dB @1KHz Bal. 115dB @1kHz
Unbal. 114dB @1kHz
Crosstalk Bal. 142dB @1KHz
Unbal. 140dB @1KHz Bal. 135dB @1kHz
Unbal. 130dB @1kHz
THD+N Bal. 0.0005%@1KHz
Unbal . 0.0007% @1KHz Bal. 0.0007% @ 1kHz
Unbal. 0.0007% @ 1kHz

RECENSIONE SHOZY HIBIKI

IMG_5673

Shozy è un’azienda particolarmente giovane, ma abbastanza conosciuta nel panorama audiophile, in particolare con i suoi DAP e il modello precedente in-ear Zero, riuscendo sempre a coniugare prestazioni adeguate al prezzo di vendita. Con il modello Hibiki l’azienda vuole strizzare l’occhio ad un pubblico più consumer offrendo ottima qualità audio ad un prezzo contenuto.
Il modello Hibiki è stato realizzato in collaborazione con AAW (Advanced AcousticWerkes) per la realizzazione del cavo, quest’ultimo è smontabile dal corpo dell’auricolare e presenta un ingesso due pin, cosa abbastanza rara in questa fascia di prezzo. Questo modello monta un driver dinamico proprietario da 10 mm capace di coprire la fascia di frequenze dai 20 ai 40 KHz.
Come sempre ringrazio l’azienda per avermi inviato il sample in questione in cambio di questa recensione.

PREZZO: 60 USD
LINK FACEBOOK: https://www.facebook.com/shozyofficial/?ref=br_rs
LINK SITO UFFICIALE: http://www.shozy-hk.com/

IMG_6465
IMG_6467

CONFEZIONE:
la confezione non è delle migliori anche considerando la fascia di prezzo: la scatola presenta sulla parte frontale l’immagine del modello, sulla parte posteriore sono presenti le caratteristiche tecniche e la configurazione del driver. All’interno sono presenti gli auricolari con soli tre paia di gommini in silicone (S/M/L). Mi aspettavo sinceramente qualcosa in più, in particolare dai gommini che non solo sono pochi in numero, ma qualitativamente non eccellono. Non capisco mai il perché sempre più aziende adottano gommini di scarsa qualità, cosa che sicuramente va ad inficiare sulla riproduzione finale.
La costruzione degli auricolari è di ottima qualità e devo ammettere che sono belli anche esteticamente: i materiali utilizzati anche se maggiormente plastici donano una buona robustezza e leggerezza al prodotto.
Sulla parte esterna degli auricolari, come potete ben vedere dalle foto allegate, presenta un motivo in fibra di carbonio, fattore che dona unicità al prodotto.
Il cavo come accennato precedentemente è stato realizzato in collaborazione con AAW e presenta un’ottima qualità costruttiva anche se esteticamente non è il massimo. Grazie alla forma a conca le Hibiki riescono ad offrire un comfort eccellente e una volta trovato i “gommini” giusti sembrerà di non indossarle.
Il cavo va indossato in modalità “over-ear”, caratteristica tipica di cuffie professionali e sicuramente non appartenenti a questa fascia di prezzo.
La struttura dell’auricolare presenta anche due forellini per dare sfogo all’aria e per permettere un maggiore sound stage, anche se non compromettono l’isolamento acustico, anzi ho utilizzato con piacere questi auricolari anche in luoghi affollati come metro e mezzi pubblici.

perfetta

SUONO: Tutti i miei test audio sono stati effettuati dopo un centinaio di ore di rodaggio come consigliato dall’azienda e con differenti dispositivi di pilotaggio: fiio x5, fiio x3, iFi NANO e anche il mio iPhone 6.
Ho trovato una buona sinergia con i gommini in silicone delle mie care fiio EX1 2nd gen.
Le Hibiki rappresentano sicuramente degli auricolari eccellenti, in particolare su questa fascia di prezzo in cui la scelta è vastissima e variegata. La firma sonora è tendente al caldo/scuro e sicuramente non al chiaro.
Dove tendenzialmente cuffie su questa fascia di prezzo hanno una firma sonora V-shaped, Hibiki presenta le voci in primo piano con una buona enfasi sulla gamma bassa e con gli alti leggermente arretrati ( fattore che vi permetterà lunghe sedute d’ascolto).
La gamma bassa non è particolarmente pronunciata , ma è di ottima qualità e sicuramente rispettosa della traccia. Infatti, grazie al driver proprietario da 10 mm il basso è veloce e secco e non risulta mai gonfio e gommoso senza andare mai a coprire la gamma media (cuffia non consigliata ai bass-head).
Usando un DAP discreto come un fiio x3 la gamma bassa acquista più controllo e autorità.
IMG_6439

I medi sono posti in rilievo con una buona definizione, anche se prima del rodaggio possono risultare un po’ artificiosi e plastici.
Dopo un rodaggio di circa 100 ore le voci sono rese con più naturalezza e soprattutto le voci femminili sono ben dettagliate ed efficaci.
La gamma alta è leggermente arretrata e in alcuni brani si sente la necessità di più brio e freschezza.
La dinamica è ottima , grazie al driver proprietario, la risposta ai transienti è degna di nota e anche in tracce particolarmente affollate le Hibiki non perdono mai il “passo” degli strumenti.
Il sound stage è fantastico , grazie anche ai due fori posti sugli auricolari che permettono lo “sfogo” del suono e riescono perfino a rivaleggiare con cuffie cinque, sei volte più costose.
Il sound stage è esteso soprattutto in larghezza e in altezza e riesce a restituire una scena particolarmente olografica.
L’impedenza è bassa, ma le Hibiki necessitano assolutamente di una buona amplificazione per suonare a dovere, con il mio iPhone riesco a pilotarle, ma non a “farle suonare”. Se avete intenzione di acquistare questo prodotto per poi abbinarlo ad uno smartphone cambiate idea.
Sinceramente non capisco la scelta adottata da quest’azienda, in quanto con questo prodotto miravano ad un pubblico consumer, ma ben si sa che questa tipologia di pubblico usa principalmente come riproduttore uno smartphone.
Ovviamente tutti i miei test sono stati effettuati con file ad alta risoluzione .flac sfruttando Tidal dal mio iPhone e una volta amplificate a dovere, questi auricolari riescono a donarvi sicuramente belle soddisfazioni.

CONFRONTI:
Hibiki VS Whizzer A15 PRO: questo è un buon confronto in quanto sono cuffie appartenenti quasi alla stessa fascia di prezzo, ma con prestazioni degne di nota.
Le Whizzer hanno un suono più controllato senza presentare particolari enfasi sulla gamma bassa o alta e sono tendenti più ad un suono chiaro e neutrale.
Le Hibiki presentano un suono più caldo e compassato e quindi sicuramente più rilassante anche se tendenzialmente mostra un suono meno dettagliato rispetto alle Whizzer.
Il basso delle Hibiki presenta maggiore quantità e anche qualità con maggiore velocità e secchezza, dall’altro canto le Whizzer presentano un basso più timido e meno pronunciato. Le Whizzer restituiscono una gamma media più neutra e pulita, ma forse con meno vitalità e realismo.
La dinamica e la risposta ai transienti vede come vincitrici assolute le Whizzer che riescono a restituire più dettagli e precisione in gamma alta.
Il sound stage è paragonabile( anche se le Hibiki presentano una maggiore estensione in larghezza e profondità).

HIBIKI VS IBASSO IT01:
le HIBIKI hanno una firma sonora più tendente al caldo, dall’altro lato le ITO1 più al chiaro e sono più risolute e ariose. La dinamica è appannaggio delle iBasso e anche i dettagli in gamma alta.
Le HIBIKI sono più difficili da pilotare e hanno sicuramente bisogno di un buon amplificatore per rendere al meglio.
HIBIKI VS PERIODIC AUDIO Mg: le Mg hanno un suono più pulito e realistico, con una migliore dinamica e pulizia generale. Il sound stage è appannaggio delle Hibiki che presenta un’ottima scena musicale con una buona separazione strumentale.
Le Mg sono facilmente pilotabili con uno smartphone, rispetto alle Hibiki che necessitano sicuramente di una buona amplificazione.
IMG_6423

CONCLUSIONI: Shozy è riuscita a realizzare un ottimo prodotto considerando la fascia di prezzo a cui appartiene e sicuramente il modello Hibiki si pone come ottima alternativa a tutte quelle cuffiette mediocri sotto i 70 dollari, ma bisogna considerare una buona amplificazione per farle suonare a dovere.

CARATTERISTICHE TECNICHE:

• 10mm Bio Cellulose Membrane Proprietary Full Range Dynamic
• Single Sound Bore Design
• Frequency response:20Hz-40000Hz
• Sensitivity: 102dB SPL@1mW
• Impedance: 18Ohm@1KHz
• THD≤0.5%@1KHz
• Connector: 2-pin 0.78mm
• Plug:3.5mm

Package

• Shozy hibiki
• Eartips
• Case

BASSI: 8.4
MEDI: 8.2
ALTI: 8.2
SOUNDSTAGE: 8.7

FINAL RATING: 8.4

COMPARISON TIME: PLANAR VS 1DD VS 12BA

COMPARISON

Trying to do a comparison about audio products is always a tall order in particular if you don’t use measures and provide frequency graphs, but sometimes is nice to share your own opinions and your own earing experiences. These three great IEMs belongs to different price range and works with totally different technology, so is really interesting how is their different approach to music.
Will try my best to write an understandable review since I usually write for my Italian public and English is not my first language. I decided to write this article cause a lot of my readers worldwide asked me to do so, hope you will enjoy my quick comparison and will help you to do the right choice if you are interested in one of these IEMs.
PRICE:
UNIQUE MELODY ME.1: 759 USD
RHAPSODIO GALAXY V2:1450 USD
AROMA AUDIO YAO: 2280 USD

Galaxy v2 incorporates a single dynamic driver( one of the best I have ever heard), ME.1 shows the latest planar technology and YAO uses 12 BA (2 driver unit for High frequency, 2 driver units for cross-section Super High frequency, 4 Driver units for Mid frequency and 4 Driver units for Low frequency)

PERFETTA 9

BUILD QUALITY:
Galaxy v2 with its brass housings has a great and refined build quality and premium feel but it isn’t one of the most comfortable IEM cause they are on the heavy side, so if you can’t get a proper seal you will not be able to enjoy your music. Try a lot of eartips! only in this way you can bring out the best of this IEM. For example I found a good synergy with spinfit ones gaining a comfortable fit and so a better sound. Once found the right eartip for your ear-canal weight will not be a problem and you will find a good sound isolation.
On the other hand YAO shows quite a modern and elegant look, construction seems very solid: the shell is made up of transparent acrylic and the faceplate of metal material.
Comfort wise YAO IEM is very comfortable thanks to its rounded shape and nozzle angle; it’s lightweight considering that mounts 12 armature IEM and I was able to find a perfect fit with Acoustune silicon eartips out of the box. Speaking of isolation, it is very good in this department and if you can find the right eartips you will enjoy your playlist without any annoying external noise.
ME.1 has an interesting design: the shell is made up of acrylic and has a CNC grid at the end, surely this IEM with its unique open back design will catch the attention and interest of people around you in a good manner.
ME.1 is not one of the smallest premium IEM you can find, but its lightweight and comfortable.
I tried a lot of eartips and found a good synergy with double flange ones giving me a stable fit and improving sound isolation that is quite good considering their open-back design.
Unique Melody engineers made a nice work in realize planar technology in a such small body. Very compliment.

CAZZAROLA

CABLES:
Galaxy V2 comes with 2pin Pandora Dwarf cable(6N OCC litz) quite a nice looking and well built cable, that has a warmish sound so has a great synergy with hiss problems typical of this IEM.
On the other hand YAO comes with a golden cable that is different from the other two Musical Box series IEMS: EARLY and TWINS. It is well built and lightweight and gives quite a natural sound with a touch of warmth and focus on mids reproduction.
Unique Melody 8-braided 6N Single Crystal Copper cable is really nice looking and well built with new protruding 0.78mm 2-pin will not match every IEM.
It has a premium and stylish feeling and it is quite neutral having a perfect synergy with ME.1.
It is not one of the lightest I have ever tried and I don’t understand why Unique Melody made this choice after all the efforts to realize planar technology in a small and comfortable body.

PERFETTA 3

SOUND:
ME.1 has quite a U-shaped sound signature with organic and full-body sound, sometimes gives a fair romantic and engaging reproduction.
Galaxy V2 has a V-shaped sound signature with incredible resolution and details retrieval, but at the same time a fun and engaging sound.
YAO is quite a magic IEM with its voice reproduction so near-to-life and natural, it is a product capable to bring an audiophile and correct sound, but at the same time with a lot of emotions and details.

ME.1 has a very high quality bass response : very fast but a bit smoothed, so you will not have a strong bass, but you will get the right amount for a nicely timing and rhythm. Voices are well portrayed and fits good both for male and female vocals. Highs are detailed and clean, but will not find a lot of sparkles.
Dynamic and transient response is excellent thanks to planar technology and sounds great with a lot of musical genres.
What really makes incredible this IEM is its wide soundstage: it is not one of the widest or one of the most holographic, but it is really natural and airy.
On the other hand YAO has one of the best vocal I have ever listened: very detailed and natural, mids are in focus and are so vivid with a lot of emotions. This IEM is capable to bring “the emotions of your singer”.
Bass response adds a touch of warmth and gives a nice timing to tracks, highs are just a bit laid back but they are very detailed and refined. I think Aroma Audio created really a fantastic product: a perfect combination of audiophile and natural sound.
Dynamic is quite good and have a good instrument separation.
Soundstage is not one of the widest or tallest, but it is coherent and natural.
Galaxy V2 is pure resolution with a lot of details. Bass is really fast and strong (one of the best you can find in a single dynamic driver), vocals are little laid back, but they are very clean and detailed in particular with female voices. Highs are incredible detailed with a lot of sparkles, but if you have hiss problem, maybe this is not the IEM for you.
Dynamic and transient response is stellar. Galaxy has just a bit wider soundstage than YAO but is not so precise and coherent.

As you can imagine there isn’t a clean winner, all depends on your sound signature and musical genres tastes: if you want a smooth and organic audiophile sound with a great soundstage ME.1 is for you, if your looking vocal emotions and quite a neutral sound YAO will be perfect for you, if for you resolution, details and engaging sound is your priority Galaxy V2 will be a perfect friend for your ears.

RECENSIONE UM ME.1: FASCINO MAGNETOPLANARE

PERFETTA191

Dopo aver testato il modello MIRACLE V2 eccomi a recensire questo nuovo gioiellino della ormai famosa (soprattutto in America e Asia ) Unique Melody. Anche dopo gli ultimi arrivi in catalogo come il modello Mason e Mantor V3 il modello ME.1 non ha mai perso il suo fascino, anzi è diventato quasi iconico per quest’ azienda. Per la realizzazione di questo concentrato di tecnologia e innovazioni sono serviti alcuni anni per riuscire a portare un prodotto finito e commerciabile; infatti negli anni si sono susseguiti diversi prototipi per implementare al meglio tutte le migliorie prefissate. La sfida per gli ingegneri di quest’azienda era quella di riuscire ad implementare la tecnologia magnetoplanare in un corpo non esageratamente grande per permettere lunghe sedute d’ascolto e riuscire anche a implementare dei filtri per attenuare i rumori esterni e per non danneggiare l’udito nel lungo periodo (caratteristica per la quale 64 Audio è ormai famosa). In questa recensione ho avuto modo di testare il modello universal fit, ma è presente in catalogo anche la possibilità di una versione custom; infatti Unique Melody offre prodotti sia universali che personalizzabili non solo nell’estetica, ma anche nella misura tramite calchi del vostro condotto uditivo per avere il massimo dell’isolamento e di conseguenza una miglior riproduzione sonora.

PREZZO: 759 USD
LINK PER L’ACQUISTO: https://shop.musicteck.com/collections/um/products/me-1-by-unique-melody
LINK AL SITO UFFICIALE: http://www.uniquemelodyshop.com/

PERFETTA 2

TECNOLOGIA MAGNETOPLANARE:
Unique Melody è una della poche aziende insieme ad Audeze che è riuscita ad implementare la tecnologia magnetoplanare o chiamata anche orto-dinamica in cuffie in-ear, ma allora quali sono i pro e i contro di questa tecnologia?
La tecnologia magnetoplanare si pone nel mezzo tra i diffusissimi driver dinamici particolarmente economici e facili da pilotare e la ben più costosa tecnologia elettrostatica difficile da implementare e che richiede una buona amplificazione.
Non voglio dilungarmi eccessivamente sul funzionamento fisico in quanto in rete ci sono diverse spiegazioni, basti sapere che la membrana posta al centro viene fatta vibrare da magneti posti su entrambi i lati della stessa. Se ben implementata, questa tecnologia è in grado di generare un suono privo di distorsioni e un’eccellente dinamica e risposta ai transienti, i contro sono soprattutto i costi superiori rispetto ai diffusissimi driver dinamici e un maggiore ingombro, per questo riuscire a implementarla in delle cuffie piccole come nel caso delle in-ear è sempre stata una sfida. La sfida è stata sicuramente colta dall’azienda cinese che in più ha voluto implementare anche dei filtri acustici e una struttura semi-aperta, con una griglia all’estremità dell’auricolare per avere una migliore ariosità.

PACKAGING: la confezione da sicuramente un “premium feeling”: una scatola in legno solida e fine ricoperta da un cartoncino nero; all’interno è presente l’auricolare in una scatoletta in gomma, sono presenti diversi accessori come gommini in silicone (S/M/L) e in foam, un adattatore per aereo e un foglietto di garanzia. Chi è disposto a spendere 700 e passa dollari per una in-ear cerca assolutamente qualità audio, però anche un buon packaging può alleviare il “buco al portafoglio”.
Le ME.1 sono sicuramente fuori dal comune non solo acusticamente parlando, ma anche esteticamente: il corpo è formato da una struttura con linee morbide in materiale acrilico, il tutto incastonato in una griglia forata per dare maggiore ariosità al suono. Il cavo è di ottima fattura con attacco 2 pin e quindi smontabile dal resto della cuffia. Sulla qualità del cavo non ho nulla da ridire, ma è un po’ pesante e spesso e volentieri “tirava verso il basso” e quindi causandomi particolare noia durante l’ascolto. Sinceramente non capisco tutti gli sforzi fatti in campo ingegneristico per ridurre il peso e le dimensioni degli auricolari per poi abbinarci un cavo che non rappresenta sicuramente il top dell’ergonomia.
Ho cambiato diverse tipologie di cavetti per poi giungere alla conclusione che il cavetto in dotazione dal punto di vista sonoro dona una riproduzione più neutra e controllata ampliando leggermente il soundstage. La struttura degli auricolari è ergonomica e,anche se più grandi della norma, non hanno un peso eccessivo e sicuramente possono accompagnarvi nelle vostre lunghe sedute d’ascolto.
All’inizio non è facile raggiungere il “fit” ottimale, in quanto presenta un condotto dove vanno applicati i gommini, dalla dimensione non estremamente ridotta e quindi sarà un po’ difficile riuscire a trovare i gommini giusti. Dopo diverse prove ho riscontrato un’ottima sinergia con i double flange eartips permettendomi un maggiore isolamento e quindi una risposta in gamma bassa più presente.
Sicuramente se avete intenzione di acquistare questo modello, armatevi di una vasta gamma di gommini anche di diversi materiali, per eseguire diversi test e trovare quello adatto al vostro condotto uditivo.
I gommini in foam, almeno per la mia esperienza, influenzano eccessivamente la risposta in frequenza di questa in-ear, dando maggiore enfasi alla gamma bassa e di conseguenza andando a modificare le neutralità del prodotto.
Sono cuffie che vanno indossate con l’archetto dietro l’orecchio, meccanismo che da un lato odio perché diventa un po’ complicato inserirle e toglierle, dall’altro, una volta indossate le cuffiette sono comode e leggere dando l’impressione di non indossarle.

perfetta178

SUONO:
un aggettivo per descrivere le ME.1 potrebbe essere musicale, in quanto il suono presenta una firma sonora u-shaped leggermente modificata: con una leggera enfasi in gamma medio-bassa , un maggior focus sulle voci e un leggero picco sui 4-6 Khz per dare maggiore brio e ariosità alla scena sonora. Il suono fluisce con estrema decisione e organicità, si organicità potrebbe essere un altro termine sicuramente utilizzabile per descrivere il suono di questi auricolari. Non avrete mai una riproduzione eccessivamente chiara e pulita, ma sempre ammorbidita senza mai presentare picchi in frequenza particolarmente fastidiosi. Questa caratteristica contribuisce sicuramente un ascolto rilassato e riesce a donare un certo senso di romanticismo e nostalgia alla vostra musica. Sicuramente non sono cuffie neutre o eccessivamente rispettose della traccia, ma questa firma sonora dona un senso di unicità al prodotto.
Sono rimasto particolarmente colpito dal diverso approccio alla musica che hanno le ME.1 rispetto al modello Miracle V2 precedentemente recensite: le Miracle hanno un suono più neutrale e tendente al chiaro avendo maggiore rispetto della traccia ascoltata, dall’altro le ME.1 hanno la tendenza a riprodurre la musica “in a smooth way”, caratteristica che ho imparato ad apprezzare nel tempo soprattutto negli ascolti serali ( ascolti pre-sonno).
Le voci sono poste particolarmente in rilievo (fattore che limiterà il sound stage percepito), ricche di dettaglio anche se qualche volta ,rispetto a delle cuffie multi-driver, non riescono a cogliere totalmente le emozioni dei cantanti. Le voci sono ben rese sia per quelle maschili che femminili.
La gamma bassa è particolarmente coinvolgente anche se non avrete mai quel basso rapidissimo e secco e qualche volta può andare a coprire la gamma medio-bassa. I bassi vengono semplicemente addolciti per rendere una riproduzione compassata e rilassante.
Sicuramente non sono consigliate per chi ascolta e richiede enfasi in questo spettro di frequenze.
Gli alti sono ben dettagliati e puliti senza mai presentare roll-off e, anche se leggermente arretrati rispetto ai medi, donano una buona ariosità alla scena musicale. Il fattore di avere gli alti leggermente arretrati permette al suono di non risultare mai graffiante ( fattore estremamente positivo per chi soffre di tinnitus).
La dinamica e la risposta ai transienti è eccellente grazie anche alla tecnologia implementata (driver magnetoplanare), che riesce a seguire tutti gli strumenti anche in tracce particolarmente affollate.

PERFETTA 3

Le ME.1 sono in grado di riprodurre anche i minimi dettagli ( sussurri, voci che si trovano sul fondo della scena musicale), caratteristica che mi ha portato ad apprezzare particolarmente questi auricolari.
Con piacere hanno dato nuova vita alle canzoni che ero solito ascoltare da anni.
Il sound stage è incredibilmente ampio grazie anche alle griglie forate poste sulla parte esterna dell’auricolare. Hanno un buon senso olografico e per questa caratteristica si avvicinano più a delle cuffie on-ear o over-ear che alle classiche in-ear. Per avere questa tipologia di sound stage richiedono però corrente e quindi consiglio vivamente di abbinarle a un buon amplificatore.
L’impedenza è bassa, ma nel mondo audio e in particolare nel mondo dell’elettronica le caratteristiche tecniche lasciano il tempo che trovano e, anche se facilmente pilotabili da comuni smartphone, sarebbe assurdo spendere una tale cifra acquistando questa tipologia di auricolari per poi abbinarli ad una fonte di scarsa qualità.
Ho trovato una buona sinergia con il DAC/AMP ifi Nano che permettendo ancora di sfruttarle in mobilità, dona una risposta in gamma bassa più controllata e decisa, un maggior “senso emotivo alle voci” e sicuramente una migliore dinamica e risposta ai transienti.
Sfruttate con il mio iPhone riescono a raggiungere un buon volume, anche se il suono ne risente: in particolare la dinamica e il controllo.
Sono cuffie che hanno bisogno di molta corrente e ho notato un buon scaling: il suono migliora sempre di più con l’aumentare dell’amplificazione( se consideriamo amplificazioni di qualità).

perfetta 5

CONFRONTI:
ME.1 VS RHAPSODIO GALAXY V2:
le Rhapsodio hanno una migliore dinamica grazie al driver in titanio e un maggiore impatto in gamma bassa con una firma sonora più v-shaped e quindi sicuramente più coinvolgente e divertenti.
Le ME.1 hanno un suono più compassato e melodioso avendo maggior dettaglio ed espressività per le voci.
Il sound stage è sicuramente più ampio nelle cuffie marcate Unique Melody.
Le ME.1 si difendono egregiamente in questo confronto considerando anche la differenza di prezzo.

ME.1 VS AROMA AUDIO YAO:
LE ME.1 hanno una migliore dinamica e un basso più secco con alti più dettagliati e presenti.
Le YAO sicuramente sono in grado di restituire le voci in maniera più dettagliata e realistica.
Le YAO sono più facili da pilotare e anche solo con un smartphone riescono a rendere al 90 Per cento.

CONCLUSIONI: Unique Melody ha lavorato molto per l’implementazione della tecnologia magnetoplanare e per la realizzazione di questo modello, riuscendo a regalarci un concentrato di tecnologia e prestazioni audio di altissimo livello. Come ogni prodotto ha i suoi pro e contro da tenere in conto, per cui se siete amanti di un ottimo sound stage, un suono compassato e rilassante, ma allo stesso tempo dettagliato e pulito le ME.1 saranno una goduria per le vostre orecchie.

CARATTERISTICHE TECNICHE:
Impedance: 23.1 Ω
Diaphragm Diameter: 18.5 mm
Magnet Type: Dual-Layer High Strength Neodymium
Shell: 3D Printed Medical Grade Acrylic with CNC Finish Connector Type: 2-Pin Protruding Connector
Cable: 6N Single Crystal Copper
Cable Termination: 3.5 mm Headphone Jack

PRO:
SUONO COINVOLGENTE
DINAMICA
SOUNDSTAGE

CONS:
TENDE AD ADDOLCIRE LA GAMMA BASSA E ALTA

BASSI: 9
MEDI: 9
ALTI: 8.8
SOUNDSTAGE: 9.3
FINAL RATING: 9

REVIEW VERUS AUDIO: CUSTOM 6/4/2 BA

perfettq180

Verus Audio is quite a young and not so much famous company in the audiophile world; I had to opportunity to test their three new released IEMs with 6,4 and 2 balanced armatures.
The test units was sent me as a samples , I am not affiliated with the company and all observations and opinions will be only my own. Would like to thank again Verus Audio team for sending me this unit giving me the opportunity to test their products.
PRICE:
6DRIVERS: 769 USD
4DRIVERS: 499 USD
2DRIVERS:249 USD

LINK TO THE OFFICIAL FACEBOOK PAGE: https://www.facebook.com/verusaudio2017/?ref=br_rs

IMG_3989

PACKAGING: the product comes in a hard case of black color with surely a premium feel. In the hard case you will find various silicon eartips, that are not of high quality, in particular are not adequate to their price range. I tried different eartips that already had and found a perfect fit with double flange ones.
I have a small ear canal, so with double flange eartips I gained a better fit and so a more natural sound with better bass impact and a wider soundstage.
IEMs come with detachable 2pin cable.
The construction seems very solid: the shell is made up of transparent colored acrylic. The 6BA model I received comes with a particular and customized color, in fact Verus Audio offers universal fit IEMs with customizable color and faceplate, I have to admit that 6BA model, as you can see in the images I attached to this review, is a really nice looking IEM.
Comfort wise the three products are very comfortable thanks to its rounded shape and nozzle angled, they are lightweight considering that mounts balanced armatures and have detachable 2 pin cable.
Speaking of isolation, they are very good in this department and if you can find the right eartips you will enjoy your playlist without any annoying external noise.

IMG_6222

SOUND: overall they are good sounding IEMs , in particular 6BA and 4 BA models. All my sound consideration has been made after 100 hours of burn in , with different DAPs such as fiio x3, x5, iFi Nano Idsd black label, Audirect whistle DAC/AMP and my iphone 6 too.
This sound impression refers only to the 6 BA model, I will share a quick comparison with 4 and 2 BA models too at the end of this review.
Sound signature is not V-shaped, but they are not much linear and neutral, there is a slightly bass emphasis.
Bass is too much in quantity for my preferences, but 6BA has quality bass response: strong and fast bass that gives a good dynamic to the sound reproduction.
Mids are the star of the show, so vivid and detailed with a lot of emotions. I would say that mids are “in focus and intimate side” but never overwhelming, simply are in the middle and around are played all the other instruments.
Highs are clean and detailed but stay a bit behind . They are very controlled, but you can’t find a lot of sparkles, so you will get an extended treble response but without harshness and sibilance issues, indeed, i could be able to listen to this IEM and never find any listening fatigue. Surely this is not a treble-ish IEM.

IMG_6234

Dynamic is very good and so is transient response.
This IEM has a good synergy with a lot of musical genres in particular with vocal ones and classic music thanks to its big soundstage, but they are very good with pop, rock and jazz music too.
Soundstage is excellent with a coherent sense of space in particular width, you will get a “speaker-like” soundstage with a good holographic sense of space.
With its low impedance is quite easy to drive, you can drive easily with your Smartphone, but obviously with a good DAP you get an overall better sound, with better dynamic and a stronger bass response.
Using with a good DAP bass response get more fast and controlled.

IMG_3983

6BA VS 4BA: 6BA is more detailed and has a better dynamic with a better and wider soundstage.
On 4BA model you will find the same quality in mids, with less bass quantity and a more intimate sound reproduction.

IMG_3982

6 BA VS 2 BA: 2 BA model was quite a disappointment for me, in particular it has not the same quality in mids and soundstage is too intimate for my tastes.

FINAL WORDS: Verus Audio is a young company and not so much famous, but with 6BA and 4BA models surely can compete against the big competitors in the audio world, in particular mid reproduction is excellent with very detailed and natural voices and an incredible “speaker-like” soundstage.
Very compliment Verus Audio.

Create a free website or blog at WordPress.com.

Up ↑